sabato 23 maggio 2015

Quando succederà che....

Quando a scuola ci sarà un compagno di classe che tutti prendono in giro, che emarginano, che scherniscono, tu non schierarti con i prepotenti ed i bulli, abbi il coraggio di schivarli e di fiancheggiare il tuo compagno. 
Quando a lavoro mobbizzano un collega, quando gli faranno il vuoto attorno, non temere di sostenerlo, lavorare per i prepotenti non è lavoro è schiavitù.
Quando ti proporranno di "fare il furbo" perchè tanto tutti fanno così, ricordati che le tue azioni nell'ombra possono essere una bomba esplosa al sole per qualcun'altro, non cedere alla tentazione di scegliere la via più facile perchè è quella che ti porterà più facilmente nel baratro.
Quando ti offriranno aiuto perchè da solo non ce la potrai fare, non cedere, non accettare se dietro quell'aiuto si nascondono catene che pian piano ti stritoleranno levandoti quanto di più prezioso possiedi, la libertà.
Quando ti chiederanno di mentire ricordati che la verità è l'unica che ti renderà davvero libero, anche a costo di soffrire e di andare controcorrente.
Quando ti inganneranno facendoti credere che , se non sei alla moda e se non hai la macchina più bella ed il cellulare all'ultimo grido, non sei nessuno, non conti, non cedere e non credere a questa suggestione. Un uomo si misura per quello che fa e per quello che è, e non per quello che ha.
Quando ti diranno che sei succube di tua moglie, che hai rinunciato a questo o a quell'altro per la tua famiglia, per i tuoi figli, ricordati che spesso è l'invidia  a parlare, perchè chi è nel baratro tende a trascinare con sè chi viaggia a testa alta.
Gli eroi come Falcone e Borsellino hanno fatto paura, perchè si teme sempre chi porta la luce, chi grida a favore del più debole, chi non teme di avere coraggio e paura al tempo stesso. Perchè il bene fa paura al male. Sempre. In ogni circostanza. Perchè il Bene è più potente del Male ed il vero potere fa paura!
E' questo che dirò a mio figlio, è questo quello che insegna l'esempio di persone vere scendendo nel nostro più intimo e piccolo quotidiano...

12 commenti:

  1. che dire se non ... E' un post splendido!
    pieno di verità. ed in cuor mio spero di insegnare ai miei figli l'onesta il dovere di rispettare se stessi la dignità.
    A 20 anni da quella strage, ricordo perfettamente dove mi trovavo, che pensieri ho avuto.
    avevo solo 16 anni, ma anche da "quel giorno" ho imparato tante cose, come credo molti.
    GRAZIE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero ha chi h ail coraggio di essere un uomo, nonostante la paura!!!

      Elimina
  2. Molto molto bello e commovente.
    :-)

    RispondiElimina
  3. L'eterna lotta tra il bene e il male..... Il male che a volte si nasconde anche dietro un sorriso..... Non voglio insegnare ai miei figli ad essere troppo diffidenti. Ma tanti anni fa, chi mi stava portando via, mi sembrava una persona meravigliosa. E se non c'era mia nonna che si è messa ad urlare facendo intervenire mio zio, quell'uomo mi avrebbe caricato in macchina con la scusa di accompagnarmi a casa della mia amichetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh mio Dio, che esperienza terribile....rabbrividisco al solo pensiero!!!non ho parole Eu!

      Elimina
  4. bellissimo post e splendide parole che.. dovrebbero dire tutti! ma.. purtroppo pochi genitori diranno queste cose ai propri figli! complimenti per il nuovo post

    RispondiElimina
  5. grazie! mi fa piacere che possa essere un pensiero comune...siamo le mamme degli uomini e delle donne del futuro, un futuro migliore, spero per loro!!!

    RispondiElimina

Dì la tua...e grazie mille per averla detta!